Giro del Monte Terne 20 OTTOBRE

Giro del Monte Terne ( loc. Belluno)

 

La nostra escursione ha inizio dalle casere Bortot  (parcheggio), si segue in salita una strada sterrata che ci porta  ad incontrare alla nostra sinistra un cartello indicatore di Via Croda Rossa  (prende il nome dalla roccia che affiora in un tratto dal sentiero). Un tempo questa stradina era  una mulattiera, mentre  ora è poco più  di un sentiero (n° 743). Qui troviamo  ancora case in sasso, la più interessante è quella della famiglia Scarpotola,che storicamente merita un momento di sosta per osservarla. Procedendo all’interno della Valle Del Medon con salita regolare, troviamo prima un rudere  risistemato, adatto ad  un riparo provvisorio            (casera Medon) e successivamente un’ altra casera ( Funess).  Un bel bosco di abete rosso ci avvolge percorrendo il sentiero. … segue …

Cima “Croda Granda” (Pale di S.Martino)

 

Punto doi partenza: Cant del Gal (Val Canali TN) parcheggio per rif. Treviso (q.1330 mt)

Punto di arrivo: S.Andrea di Gosaldo (BL) (q.1260 mt)

Versanti di salita: W, N-W, S

Dislivello in salita: 1619 mt

Dislivello totale: 3308 mt

Tempo di salita : 5 ore

Tempo totale : 9 ore

Difficoltà : EEA

Tipo di via: Via Normale più ferrata “Fiamme Gialle”

Equipaggiamento: da escursionismo + attrezzatura da ferrata

Cartografia: Tabacco 022

Trasporto: Mezzi propri

Descrizione:

Arrivati a Cant del Gal (Tonadico TN) si prosegue a dx per 1 km fino al park per il rifugio Treviso, sbarra (q. 1330 mt). Per seg. 707 si supera (1 ora) il rif. stesso (q. 1631 mt)  e si prosegue per passo Canali. Si supera la deviazione per i … segue …

52 Gallerie del Pasubio

Domenica 23 Giugno 2013

E’ da diverso tempo che sento parlare di questa escursione e mi piacerebbe farla assieme a voi!

La definiscono come un’opera straordinaria d’ingegneria militare risalente alla Grande Guerra.

La nostra escursione incomincia dalla Bocchetta Campiglia (m. 1216) per arrivare al rifugio generale Achille Papa (m.1929); è un percorso semplice ma non da sottovalutare. Il tutto si percorre in ore 2.30 / 3.30. Il dislivello è di circa 750 metri, il percorso totale è lungo 6.3 km, di cui 2.3 km si percorrono in gallerie molto ardite, che pur non presentando particolari difficoltà, bisogna prestare attenzione a non sporgersi e a non inoltrarsi in gallerie secondarie, spesso semi crollate o pericolose; inoltre, alcuni tratti delle gallerie sono scivolosi a causa dello stillicidio d’acqua. E’ indispensabile portarsi una pila in quanto le gallerie sono buie.

E’ un percorso spettacolare e di grandissima soddisfazione, un percorso storico per tutti … segue …

Monte Castellaz-Cristo Pensante 30 Giugno 2013

 

IL Monte Castellaz è sempre stato conosciuto per lo splendido panorama che si può cogliere dalla cima, e per la presenza di numerosi manufatti risalenti alla prima Guerra Mondiale in quanto  la vetta è stata fortificata dagli Italiani.

Da Giugno 2009 si è aggiunto un altro motivo per salire questa cima , in prossimità della vetta è stata posta una scultura, conosciuta come il “Cristo Pensante “, l’opera è stata eseguita dallo scultore Paolo Lauton , pesa 20 quintali (per portarla in cima si è dovuto ricorrere a un elicottero dell’esercito) e rappresenta Cristo sceso dalla croce, seduto su una roccia nell’atto di pensare, la corona di spine è fatta con filo spinato delle trincee della Grande Guerra, questa particolare scultura è diventata la … segue …