CIMA SCALIERET (mt 2887) GRUPPO DEL CATINACCIO 30 Agosto

Escursionismo CIMA SCALIERET (mt 2887) GRUPPO DEL CATINACCIO 30 Agosto Cima poco nota e spesso trascurata perché oscurata dall’imponenza del Catinaccio d’Antermoia; punto panoramico spettacolare con bellissima vista sul gruppo del Catinaccio a destra, sull’Antermoia verso nord, sulla Marmolada e sulle Pale di San Martino verso oriente. Si parte da Pera in val di Fassa e con il pulmino si arriva in breve tempo fino al rifugio Gardeccia mt. 1960. Di qui si inizia il cammino per comoda strada sterrata fino al rifugio Vajolet mt.2243 raggiungibile in circa 45 minuti. Si prosegue sulla strada sterrata verso il rifugio Principe, ma poche centinai di metri dopo la partenza dal Vajolet si piega a destra e si inizia la salita attraverso il sentiero Don Guido, segnato con bolli rossi, non di particolare difficoltà, anche se dalla parte centrale, al passo delle Pope mt 2720, bisogna prestare attenzione al fondo del sentiero spesso…

segue …

Gran Paradiso (4061mt) 26-27-Luglio

Gran Paradiso (4061mt) 26-27-Luglio Descrizione: Il Gran Paradiso è l’unica cima che supera i 4.000 metri di altezza che si trova completamente in territorio italiano. L’altezza e l’isolamento rispetto alle montagne circostanti lo rendono ben riconoscibile anche da lontano, sebbene abbia un aspetto alquanto diverso visto dai vari versanti: a nord-nordovest precipita il lungo e bianco lenzuolo di neve e ghiaccio della parete nord, su cui corre diritta per 600 m una delle più classiche salite di ghiaccio delle Alpi; sul versante di Cogne precipita con pareti di roccia e ghiaccio sul grande ghiacciaio della Tribolazione; a sud presenta una elevata bastionata rocciosa che fa da muro di contenimento del ghiacciaio su cui, da ovest, sale la via normale. Caratteristica della cima è il torrione di rocce a strati orizzontali, posizionati l’uno sopra all’altro come dei libri, sormontato da una bianca Madonnina. Il passaggio più impegnativo della salita al Gran…

segue …

“Civetta rif. Tissi – Coldai” 6 luglio

Escursionismo “Civetta rif. Tissi – Coldai” 6 luglio Gita escursionistica: Alleghe-rif. Tissi- Fc.lla Staulanza (organizzata dal Gruppo Alpini di Farra di Soligo e dalla Sezione CAI di Pieve di Soligo) Descrizione: L’inizio dell’escursione avviene dal piazzale cabinovia di Alleghe, di fronte al lago omonimo. L’escursione prevede, come per le precedenti edizioni, più possibilità di percorso. Gruppo A: Da Alleghe per sent. 565 risalendo la ripida Val d’Antersass, costeggiando il Ru de l’Avia, il Ru de Molin, il Ru de Porta e il Ru d’Antersass e poi con la vista sul paretone nord della Civetta per sent 560/563 al Rif Tissi (mt 2250). Dopo pausa ristoratrice e aver goduto del meraviglioso panorama di questa posizione ci si avvierà al rif. Coldai (2132 mt) costeggiando la parete nord del Civetta. Discesa poi per sent 556/561/568 a rif Coldai e passo Staulanza Gruppo B: Da Alleghe, funivia a Pian di Pezzè (mt 1452).…

segue …

“Concerto tra le rocce” Al rif. Semenza (mt 2020) con il coro “S. Lorenzo” 29 giugno 2014 ore 11.00

“Concerto tra le rocce” Al rif. Semenza (mt 2020) con il coro “S. Lorenzo” 29 giugno 2014 ore 11.00     Alla scadenza del biennio il CAI organizza il consueto “Concerto tra le Rocce”. Quest’anno il calendario assegna alla nostra sezione “Velio Soldan” di Pieve il compito di organizzare questo evento ed è ‘ con piacere ed entusiasmo che cogliamo questa opportunità per ritrovarci in tanti al rif. Semenza, nell Alpago, con il coro S.Lorenzo di Farra per onorare il creato che ci circonda. Rif Semenza, inaugurazione ufficiale avviene nel 1963. Il rifugio è intitolato a Carlo Semenza, primo presidente del CAI di Vittorio Veneto fondato nel 1925. Semenza fu ingegnere progettista di diverse dighe nell’arco alpino, Fedaia, La Stua, Sauris, Val Gallina, Vajont. Il rifugio si trova nei pressi di fc.lla Lastè nell’alta val di Piera nella zona della Palantina e del Cavallo in Alpago, ai confini tra le…

segue …

Val Rosandra (Carso triestino) 8 giugno

Escursionismo Val Rosandra (Carso triestino) 8 giugno Istituita nel 1996, la riserva naturale della Val Rosandra è un concentrato di storia e natura, posta nelle immediate vicinanze dì Trieste è stata fin dai tempi più antichi una via di passaggio tra il mare e l’altopiano Carsico. Il clìma e la particolare conformazione geologica hanno creato un micro cosmo molto complesso. Proprio per la particolare sua conformazione, fatta di irte pareti strapiombanti, questa valle è stata fin dai primi del novecento un luogo ideale per gli alpinisti Triestini, che qui hanno affinato la tecnica, per poi compiere grandi imprese sulle pareti più difficili delle Dolomiti e delle Alpi Giulie. L’itinerario è molto semplice, una volta parcheggiato nelle vicinanze del paese di San Lorenzo (nei pressi di Basovizza), imboccheremo il sentiero ISA, passando per il paese di Bottazzo raggiungeremo la chiesa della Madonna in Sìaris, per poi salire al cippo Comici, dedicato…

segue …