VAL CANALI – PARCO DEL PANEVEGGIO PALE DI SAN MARTINO 7 Giugno 2015

La Val Canali è un luogo dove si conserva ancora una buona parte della biodiversità delle Alpi. Da almeno cinque secoli la Val Canali non ha subito grandi interventi, tanto che il paesaggio e i suoi habitat naturali e seminaturali si sono conservati molto integri. Viene proposta un’escursione che attraverserà varie tipologie di paesaggio dal sottobosco, ai prati aperti fino ad incontrare formazioni rocciose di grande impatto. Il sentiero che percorreremo partirà dal parcheggio dopo villa Welsperg e camminando per il sentiero CAI 719 arriveremo ai prati Fosne, Prà del Cimerlo (dove troveremo la Fabbrica delle Scritture) poi per il Troi dè Rodena fino alla Portela bivio ai piedi di Pala Canali, Si tornerà per il sentiero 709 che costeggia la vecchia Malga Pradidali fino alla località La Ritonda da qui rientreremo per raggiungere poi la località dove abbiamo lasciato le macchine. Punto di partenza ore : 6.45 sede CAI…

segue …

17 Maggio Festa di Primavera

Quest’anno su invitto dei nostri amici della SAT di Mezzocorona faremo una bellissima escursione alla portata di tutti su al Monte per poi proseguire fino alla malga kraun (se magna) mt°1222 .Circondati dai colori, profumi e rumori della natura. I boschi di faggio e abeti, il pascolo con il bestiame ed il profumo delle erbe. Con uno sguardo attento e il passo non troppo rumoroso si potranno incontrare caprioli, galli cedroni e scoiattoli. Partendo dal paese di Mezzocorona numerose sono le passeggiate ed escursioni per raggiungere Malga Kraun. In tutti gli itinerari si potrà godere di una vista mozzafiato sulla panoramica piana rotaliana Sempre da Mezzocorona (località Ischia) si può raggiungere il Monte seguendo il sentiero 505 (“strada delle Longhe”) oppure seguendo la via ferrata “Burrone Giovanelli” che si congiunge, nelle vicinanze della Baita dei Manzi, con il segnavia 505. Per i più pigri c’è la possibilità di salire in…

segue …

Concerto all’alba Rifugio dei Loff 1° Maggio

1° maggio All’alba del primo maggio, dicevamo, si terrà il concerto al rifugio dei Loff, splendido “balcone” dal quale lo sguardo si perde fino a raggiungere lo specchio della laguna di Venezia, quasi a voler dare un senso di infinito a questa incantevole veduta. Geniale l’intuizione dei quattro loff di Cison che, come leggiamo sul libro commemorativo dei primi quarant’anni del rifugio, decisero di edificare sotto il Crodòn del Gèvero questo piccolo gioiello. Per la cronaca ricordiamo i nomi dei fondatori del rifugio: Amelio Sasso, Richetto Salton, Tullio Ferrari e Nino Gallonetto. Quella sera di quarantatré’ anni fa essi si ritrovarono all’osteria della Iele e lì nacque l’idea della costruzione del rifugio, lassù sulle splendide Prealpi cisonesi e l’idea si concretizzò pochi giorni dopo, esattamente il primo maggio del 1970, con la scelta del luogo. Oggi la manutenzione del bivacco è affidata ad un gruppo di volontari unitisi nell’Associazione “…

segue …

Croazia alta via di Abbazia 25/26 Aprile 2015

Escursione particolare questa 23^ uscita in terra Croata grazie alla collaborazione dei gemellati Amici del Platak e della Comunità italiana di Fiume. Assieme a noi in collaborazione da vecchia data gli amici della sezione CAI di Motta di Livenza. Gli amici del Platak, assieme agli amici della Comunità italiana ci faranno da guida sul circuito della ALTA VIA DI ABBAZIA, alle spalle della città stessa. Toccheremo dieci cime con altitudine media di 1400 slm, da dove godremo la vista della costa, il mare e tutto il panorama delle isole del Quarnero. Eccezionalità dell’uscita è la partecipazione dei componenti del CONCERTO GROSSO (vedi concerto tra le rocce al rif. Pordenone in Val Cimoliana del 2010) grazie alla organizzazione del socio Bruno Bontempo, membro direttivo della Comunità Italiana in Fiume, saremo ospiti in sede della Comunità stessa, nel salone delle feste per il concerto. Programma di Massima: – Sabato 25 partenza da…

segue …

Gita naturalistica Cansiglio Pizzoc 15 marzo 2015

  L’altopiano del Cansiglio sporge verso la pianura veneto-friulana come un grosso blocco squadrato e la sua foresta, dominata da faggi e abeti, fu per la Serenissima Repubblica di Venezia una risorsa inestimabile; essa costituisce ancor oggi un bene naturale unico, patrimonio di tutti, da conservare mantenendo intatte le sue peculiarità e la sua primitiva bellezza. Programma L’itinerario percorre inizialmente il sentiero CAI n. 980 (H3) fino al crocevia di loc. Prese, raggiungendo in breve il Monte Costa (1375 m s.l.m.). Risale poi i pascoli in direzione del Monte Millifret per addentarsi nel bosco, attraversando il Pian de la Pita e incontrando l’omonima Casera terminando al Rifugio Città di Vittorio Veneto dopo aver oltrepassato le C.re Pizzoc. Partenza e arrivo: Rifugio Città di Vittorio Veneto (1547 m s.l.m) Luogo e ora ritrovo: Dislivello salita: 480 m Distanza: 14,5 Km Tempo percorrenza: 5 ore Equipaggiamento: da escursionismo Difficoltà: E Trasporto: mezzi…

segue …