Notturna da Melère a Pian de le Femene – 2 Dicembre 2017

Per chi ancora non conoscesse questo modo di andare in montagna, la notturna è una escursione che si effettua al buio, possibilmente al chiaro di luna.L’itinerario che proponiamo parte dalla rinomata località di Melère di Trichiana per salire in direzione di Pian delle Femene (altra località conosciuta ai piu’). Dopo aver lasciato l’auto presso l’area attrezzata dalla pro loco di Trichiana, imbocchiamo il sentiero n.1 che sale subito ripido in direzione del Monte Frontal  situato a quota m 1247. Dopo circa 1h e 15min si arriva alla piccola radura della cima del monte e se    saremo fortunati dal punto di vista meteo si potrà godere dello spettacolo del panorama “notturno” che spazia su tutta la Valbelluna. A questo punto il percorso continua in direzione sud lungo una bella cresta “boschiva” e dopo aver incontrato una casera diroccata e una caratteristica “posa” per la raccolta di acqua, usata in estate come abbeveratoio…

segue …

DALLA SELLA DEL BRUNECH ALLA VAL CONTRIN

27 Agosto 2017 DALLA SELLA DEL BRUNECH ALLA VAL CONTRIN, PASSANDO DAL SENTIERO ATTREZZATO LINO PEDERIVA CHE SOVRASTA  LA VAL SAN NICOLÓ Partendo da Alba di Canazei (mt.1510) con la funivia si raggiunge la conca del Ciampac (mt.2142), di qui si prosegue con un tratto di seggiovia per raggiungere la Sella del Brunech (mt.2428). Con il sentiero accanto alla seggiovia ci si alza sopra la stazione d’arrivo e in cinque minuti si raggiunge l’inizio “ufficiale” del sentiero attrezzato Lino Pederiva contrassegnato dal 613 bis. Il percorso molto panoramico si svolge sulla cresta erbosa con roccette, dove la vista sulla Val de Contrin, Passo San Nicolò, Marmolada e Colac, è indubbiamente incantevole. Facendo attenzione a questo tratto di cresta non particolarmente impegnativo, ma pur sempre “cresta” quindi esposta sui due lati, dove si può percepire il “senso del vuoto”,  si prosegue fino al Sass de Roces dove si trovano quattro semplici…

segue …

Dal Passo Pordoi al Piz Boè

Gita escursionistica dal passo Pordoi al Piz Boè (organizzata dal Gruppo Alpini di Farra di Soligo e dalla Sezione CAI di Pieve di Soligo) Descrizione: Sono previsti tre itinerari, facile, medio, lungo. Per tutti la partenza è dal rif. Maria (mt:2960) al quale si arriva in funivia dal passo Pordoi. Gruppo A: Da rif Maria, sent. 627, per vari saliscendi fino al rif. Boè (mt:2871), ritorno fino rif. F.lla Pordoi (mt: 2829), da qui discesa per sentiero, alta Via 2, al p.so Pordoi (mt: 2239) Gruppo B/C: Da rif. Maria (mt:2960) si scende a f.lla Pordoi (mt:2829), poi per sent 627 e 638  si sale a Capanna Fassa (mt: 3152) cima del Piz Boè. Gruppo B, discesa al rif Boè (mt:2871), sentiero in alcuni punti attrezzato. Da qui  si rientra con il gruppo A al p.so Pordoi . Gruppo C da capanna Fassa per  sent. 637scende al rif. Bec de…

segue …

Presanella

Sabato 15  e Domenica 16 luglio 2017 Gruppo Adamello- Presanella 2 Itinerari alternativi I° salita dal Rif. Segantini – cima Presanella – II° Rif. Segantini – Giro dei Laghi Val d’Amola L’espressione guerra Bianca ( ovvero “guerra di montagna”) individua il particolare contesto e l’insieme di eventi del fronte italiano durante la prima guerra mondiale combattuta tra il 1915 e il 1917 sulle Alpi nei settori operativi delle Dolomiti, e dei gruppi dell’Ortles-Cevedale e dell’Adamello-Presanella, tra le truppe del Regno d’Italia e dell’Impero austro-ungarico. Questo confine formava un formidabile ostacolo naturale che venne sfruttato dagli austro-ungarici, i quali, essendo in netta inferiorità numerica rispetto all’esercito italiano, durante le primissime fasi del conflitto si ritirarono sulle cime che dominavano i punti strategici per poter usufruire dei vantaggi derivati dalle postazioni sopraelevate. Fin dai primi mesi anche il fronte alpino divenne via via meno elastico e più statico, e furono costruite linee…

segue …

PRADERADEGO CON IL PICCOLO RIFUGIO

Praderadego Gita Piccolo Rifugio 09/07/2017  Quest’anno, di comune accordo è stato deciso di proporre le riedizioni di alcune gite fatte in questo ventennio, di collaborazione  con il piccolo rifugio di Vittorio Veneto.  Andremo dunque a Praderadego  per passare una piacevole giornata .  Valuteremo  i percorsi da attuare in base al meteo e alla  disponibilità  dei volontari che si prodigano in maniera eccelsa. Capi gita  Damiano Agostino Gianni e Carla    

segue …