Regolamento Escursioni

1 – Ogni escursione verrà pubblicizzata mediante manifesti e verranno messe in evidenza eventuali variazioni sul programma.
2 – La partecipazione è libera per i Soci di tutte le Sezioni del C.A.I., ai familiari ed anche ai non soci.
3 – Le escursioni verranno presentate presso la sede del C.A.I. al mercoledì sera precedente alla escursione, dal Direttore della escursione.
4 – Le iscrizioni vanno fatte in sede o presso gli incaricati indicati in calce alla relazione della escursione.
5 – Il termine delle iscrizioni è il mercoledì precedente alla escursione, fino ad un massimo di 46 posti.
6 – Ogni escursionista dovrà avere un equipaggiamento adatto al tipo di escursione.
7 – Il Direttore della escursione ha la facoltà ed il dovere di escludere dalla escursione o da un itinerario coloro che non avranno un equipaggiamento adatto o non dessero affidamento di superare le difficoltà previste.
8 – Il Direttore della escursione potrà prendere qualsiasi decisione opportuna per la migliore riuscita della escursione stessa.
9 – Durante la escursione potranno essere decise variazioni del programma per il maltempo o cause di forza maggiore.
10- Dai partecipanti si esige correttezza nel contegno ed osservanza delle indicazioni e dei consigli del Direttore della escursione.
11- Con il solo fatto di iscriversi alla gita, i partecipanti accettano ed osservano le norme del presente regolamento ed, in conformità a quanto dispone l’Art.12 dello Statuto del C.A.I., esonerano la Sezione ed i Direttori di escursione da ogni e qualunque responsabilità di qualsiasi genere per incidenti che potessero verificarsi nel corso della Manifestazione.
12- E’ facoltà della Sezione di subordinare l’effettuazione della escursione alle condizioni atmosferiche non che al raggiungimento di un minimo di partecipanti, che sarà stabilito di volta in volta.
13- I ragazzi al di sotto dei 14 anni, soci e non soci, godranno di una riduzione della quota di partecipazione.
14- L’assicurazione prevista dal C.A.I. risponderà solo per i Soci in regola con il tesseramento.

Si raccomanda la puntualità

Classificazione delle difficoltà escurzionistiche

Per itinerari di tipo escursionistico vengono valutati quattro distinti livelli di classificazione, di conseguenza la scala C.A.I. differenzia l’impegno richiesto degli itinerari in sigle.

TURISTICO: Itinerari su stradine, mulattiere, o comodi sentieri, ben evidenti e che non pongono problemi di orientamento. Richiedono comunque una minima conoscenza dell’ambiente montano e una preparazione fisica alla camminata.

ESCURSIONISTICO: Itinerari che si svolgono quasi sempre su sentieri segnalati. Possono svolgersi su pendii ripidi, i tratti esposti sono in genere protetti da barriere o cavi. I passaggi brevi su roccia non devono essere esposti ne eccessivamente faticosi. Richiedono un certo senso dell’orientamento del territorio montagnoso equipaggiamento adeguati e allenamento alla camminata.

ESCURSIONISTI ESPERTI: Itinerari generalmente segnalati ma che implicano una capacità di muoversi su terreni particolari con idonea attrezzatura. Terreni misti, roccia, erba, piccoli nevai, tratti rocciosi con lievi difficoltà tecniche. Necessitano esperienza di montagna e buona conoscenza dell’ambiente montuoso,
passo sicuro, assenza di vertigini è inoltre necessario conoscere l’uso dei dispositivi di autoassicurazione (moschettoni-dissipatore-imbragatura-cordini).

ESCURSIONISTI ESPERTI CON ATTREZZATURE: Per itinerari attrezzati o vie ferrate dove vengono richiesti dispositivi di autoassicurazione al fine di preavvertire l’escursionista delle difficoltà del percorso.

I commenti sono chiusi.