Sora al Sass ( mt. 1588 )

Val Zoldana / Pramper 23 Giugno 2019

L’escursione per chi effettuerà il percorso ( A ) su sentiero, si rileva mediamente impegnativo specie per il dislivello ( mt. 700 circa ) ripido da metà percorso ma mai difficile; lo stesso dicasi per chi sceglierà il percorso (B ) con il piccolo tratto attrezzato che seppur breve , presenta qualche passo esposto , ma facile anche per i meno esperti .

Si lasciano le auto a Forno di Zoldo ,   dopo il ponte sul torrente Maè e si prosegue a piedi verso località “Baron”, dopo aver attraversato il ponte sul torrente “ Prampera” si prende la carrareccia a ds.che costeggia lo stesso torrente e che ci porterà dopo 30-40 minuti a “ Castelaz” ( mt. 996 ) . Qualora questo tratto di sentiero / mulattiera non fosse percorribile , si lasceranno  le auto in località Castelaz.

Da qui ci si può dividere : Percorso A – B

Percorso ( A ): Si prende il sentiero a Sx e si sale rapidamente per il Triol del Pissàdol che in 40-50 minuti ci porterà alla Casera di Mezzodi ( mt. 1349 ) .Da qui si prende il sentiero ( bivio a Ds. ) n° 534 e dopo un breve tratto assai ripido si arriva ( minuti 30 ) al Rifugio Sora al Sass ( mt. 1588 ) .

Percorso ( B ) : Si attraversa il torrente Prampera  e poi a Sx- si prende la stradina, alternata a sentiero, per la Val Pramper . Raggiunto Pian della Foppa ( mt. 1210 ) , si lascia la stradina per attraversare a Sx. un ponte di legno e si prende il sentiero n° 534 ( parte finale ) che con tratti a volte ripidi , ci fa raggiungere  il bivio ( mt. 1300 circa ) con il sentiero n° 522 ( al Bivacco Carnielli ).  Si prosegue a Sx. ( n° 534 ) risalendo un stretto canalone tra le due pareti , fino a portarsi all’inizio del breve tratto attrezzato di  mt. 50 circa  ( buoni appigli, salti rocciosi in parte verticali , e fare attenzione ai sassi ). Alla fine di questo tratto si prosegue verso ovest e con modesti dislivelli,  si raggiunge il rifugio Sora il Sass ( mt. 1588 ) dopo circa h. 1.30-1.45 da “ Castelaz “ . Per chi desidera , si può proseguire per sentiero n° 532 che porta al Belvedere ( mt. 1964 – h. 1.00 circa ), punto panoramico verso la Val Zoldana .

Discesa : Sentiero n° 534 per Casera di Mezzodi , poi si può raggiungere Forno di Zoldo  per nuovo sentiero o si scende per il percorso ( A ) qualora le auto siano parcheggiate in località “ Castelaz “.

———————————————————————————————————————————————–

Punto di Partenza : Pieve di Soligo ( sede Cai )-ore 7.00 – Arrivo a Forno di Zoldo o “ Castelaz “ ore 8.45-9.00

Punto di Arrivo : Pieve di Soligo ore 18.00-18.30

Disdivello : da Forno di Zoldo mt. 700 , da “ Castelaz” mt. 600.

Difficoltà : percorso  ( A ) E

Percorso ( B ) EEA

Tempo previsto :  h. 4-5 circa , si aggiunge h. 1-1.30 per chi volesse arrivare fino al Belvedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.