23 Maggio 2021 – Sui sentieri delle Prealpi trevigiane

 

Questa escursione farà perno sul passo di san Boldo, questo valico è sempre stato di notevole
interesse strategico, via di comunicazione tra il versante bellunese e quello trevigiano sin
da tempi più remoti , ne danno testimonianza i resti di una torre di avvistamento di
epoca bizantina , la forma attuale, con i tornanti in galleria , nasce per esigenze militari ,
dopo Caporetto, all’esercito Austro-Ungarico serviva una strada di comunicazione tra i due
versanti , in grado di far passare truppe e cannoni di grosso calibro, l’opera fu realizzata
a partire dal 1 febbraio 1918 e terminata a metà giugno dello stesso anno. Descrizione:
si parte poco dopo l’abitato di Tovena dal parcheggio antistante la fontana de Bafa , da lì
imboccando il sentiero 990 (sulla destra) si sale fino alle casere Jal , dove si incrocia la
strada della Caldella che ci condurrà fino al passo di san Boldo, da li si riparte seguendo
il segnavia 991 che ci conduce al passo della scaletta, da qui , svoltando a sinistra per il
sentiero 1031 ( sentiero Sergio Zanin ) saliremo prima a cima Campo , resti di trincee, per
poi scendere nella valle di Tovena , per sbucare sulla strada del passo, in corrispondenza
del capitello di santa Ottilia, arrivati.

 

Punto di partenza: ore 8:00 sede cai Pieve di Soligo
Rientro: primo pomeriggio
Dislivello: 800 m
Difficoltà: E
Cartografia: Tabacco 068
Trasporto: mezzi propri
Capo gita: Donadel Franco 334 3267655
Aiuto capo gita: Paoletti Maurilio 348 2443842
Iscrizioni: il Mercoledì precedente la gita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.